ZE/RO

ZE/RO nasce come un’intervento minimale ma, al contempo, denso di significato sulla superficie della porta.
ZE/RO è una porta nata per essere toccata. La scelta di finiture superficiali dall’aspetto mutevole, quasi in movimento, è una celebrazione del tessuto, materiale che l’uomo percepisce sì con la vista, ma principalmente con il tatto. ZE/RO significa, a livello macroscopico, l’assenza di segni e lavorazioni sulla superficie del pannello mentre, a livello microscopico, l’utilizzo di finiture innovative, invisibili ma capaci di offrire funzioni di purificazione e sanificazione.
Questa ricerca della tattilità, incentivata dalla possibilità di interagire con la superficie della porta in maniera sicura e dalla scelta di finiture dall’aspetto mutevole, quasi in movimento, sono il ponte con il mondo dei tessuti, materiali che l’uomo esperisce al meglio solo manipolandoli, facendo scorrere le dita sulle fibre intrecciate che li compongono.

Un progetto di:
Paolo Marasi
Tommaso Livio

Client:
Trep+